Lunedì, 08 Aprile 2019 20:42

Pizza di scarola

Pizza di scarola Pizza di scarola
Num. persone:
4 persone
Cottura:
35 minuti
Preparazione:
15 minuti + 3 ore riposo + 1 ora ulteriore riposo
Difficoltà:
Facile
Ingredienti:

500 g di farina tipo 1

250 ml di acqua

8 cucchiai di olio extra vergine di oliva

10 g. sale

7 g. zucchero

12 g di lievito di birra

2 cespi di scarola

100 g olive nere snocciolate

1 cucchiaino di capperi

2 spicchi di aglio

2 acciughe sott'olio

2 cucchiai di pinoli tostati

1 cucchiaio uva sultanina

peperoncino q.b.

sale per ripieno q.b.

La pizza di scarola è uno dei più gustosi piatti tipici della tradizione gastronomica napoletana,  una variante della pizza che si realizza farcendo l’impasto con scarola, olive nere, acciughe, uvetta e capperi rosolati insieme. 

 Per questa ricetta abbiamo utilizzato la farina di grano tenero Tipo 1 con germe di grano Grangusto Flexia di Molino Colombo, una farina della linea Le Rustiche che coniuga i valori sensoriali del gusto, dei sapori e dell’aroma del pane con i valori salutistici derivanti dalle farine meno raffinate.

Qui maggiori informazioni sul prodotto: https://www.molinocolombo.it/it/prodotti/le-rustiche/

Qui informazioni su acquisto e prezzi: https://www.molinocolombo.it/it/shop/flexia/

PREPARAZIONE:

LA PIZZA : preparate tutti gli ingredienti necessari, l'acqua deve essere a temperatura ambiente. Versate  parte dell'acqua in un bicchiere e scioglieteci il lievito di birra mescolando bene.   

Mettete  la farina e 4 cucchiai di olio  in una ciotola capiente. Aggiungete  l’acqua con il lievito e mescolate per qualche minuto per farla assorbire,  aggiungete gradualmente l’altra acqua  e continuate a mescolare. Se necessario, aggiungete poca altra farina o poca acqua. Unite per ultimo il sale. 

Togliete l'impasto dalla ciotola e lavoratelo su un piano di lavoro leggermente infarinato. Dovete impastare  per almeno 10-15  minuti a seconda della forza che ci mettete. A un certo punto sentirete che l’impasto cambia consistenza, divenendo più morbido e lavorabile, elastico e malleabile. Create un bel panetto sodo ma soffice.

Mettetelo in un contenitore capiente leggermente unto di olio  (tenete presente che la pasta raddoppia),  copritelo con della pellicola trasparente  alla quale farete un paio di buchi con uno stuzzicadenti.  Fatelo lievitare nel forno spento, con la luce di cortesia accesa, fino al raddoppio del suo volume: ci vorranno almeno 3 ore.

IL RIPIENO: intanto preparate il ripieno. Fate rinvenire l'uvetta in acqua tiepida, sciacquate i capperi, lavate e asciugate la scarola. In una padella capiente fate soffriggere leggermente 3 cucchiai di olio con gli spicchi di aglio, aggiungete le acciughe, le olive,  i capperi, i pinoli  e l’uvetta.  Fate insaporire per un paio di minuti poi unite la scarola, fatela appassire per cinque minuti a fuoco medio (non deve fare acqua), aggiustate di sale (tenete presente che le acciughe e i capperi sono salati) e unite un pizzico di peperoncino se vi piace, spegnete e lasciate raffreddare.

ASSEMBLATE: oliate o ricoprite di carta da forno una teglia rettangolare di 30x22 cm. (potete usare anche una teglia rotonda ma con quella rettangolare farete meno fatica a fare le porzioni),  stendete l'impasto in 2 rettangoli, uno più grande ed uno leggermente più piccolo. Stendete  l'impasto più grande,  farcitelo con la scarola, coprite con l'impasto più piccolo.

Piegate i bordi della base verso l'interno e sigillate bene pizzicando la pizza con le dita. Bucherellate la superficie con i rebbi di una forchetta e fate riposare per un'ora coperta con pellicola nel forno spento con luce di cortesia accesa. Spennellate la superficie con poco olio e fate cuocere in forno statico preriscaldato a 200°  per circa 30-35 minuti fino a quando è dorata.

Sfornate, fatela riposare 15 minuti coperta con un canovaccio,  servitela sia tiepida che fredda.

 

 

 

 

Trascorse le ore  riprendete l’impasto, lavoratelo ancora un paio di minuti, dategli la forma desiderata (potete dividerlo in quattro o otto pagnotte o panini) e fatelo riposare ancora per almeno 1 ora nel forno spento, su un foglio di carta forno, coperto con un canovaccio asciutto. Evitate assolutamente le correnti d’aria. 

FASE 3: portate il forno alla massima temperatura, infornate le pagnotte in forno caldo statico (no ventilato) a media altezza, chiudete il forno e  abbassate la temperatura a 200°. Cuocete per 30/35 minuti, fino a quando la crosta non diventerà bella dorata. Togliete dal forno a fate raffreddare su una gratella per almeno mezz’ora.  Con 500 g. di farina si ottiene circa 800 g. di  pane.